Francesco Mottola
3 gennaio 1901, Tropea (Catanzaro) - 29 giugno 1969

Io sono una povera lampada ch'arde.
L'olio d'oro fu raccolto quasi a goccia a goccia,
con lunga pazienza e con amore grande:
l'olio d'oro che ricorda la pressura dolorosa
del frantoio e l'umiltà della raccolta
su la terra nera.
Fu posto u vaso di coccio
E fu accesa
Una lampada ch'arde
Alimentandosi della sua morte.
E' il segreto di tutta la vita:
una fiamma che cerca spasimando
i cieli e si alimenta di morte.
Arde ancora la fiamma e,
finché il povero vaso di coccio
non andrà in frantumi,
arderà - cercando i cieli.