Note biografiche
VIORICA LASCU
21 dicembre 1919 Cluj (Romania) - 27 gennaio 2015, Cluj (Romania)
Viorica Lascu nacque il 21 dicembre 1919 a Cluj, terza di cinque figli di Alexandru Borza, sacerdote greco-cattolico, botanico, professore, decano e rettore dell'Università di Cluj, a cui si deve la realizzazione del Giardino botanico di Cluj. La madre di Viorica, Veturia Borza, Negruţiu di nascita, era anch'essa figlia di un sacerdote e professore. Formata ed educata in un ambiente devoto alla chiesa greco-cattolica, Viorica Lascu fu allieva marianista , diventanto poi, durante gli studi universitari, astrista e successivamente membra di AGRU (Associazione Generale dei Romeni Uniti).

Nel settembre 1946 sposò Nicolae Lascu (1908-1988), famoso latinista, professore di storia antica presso l'Università di Cluj.

Intrapprese i propri studi a Cluj, presso il Liceo Regina Maria e poi si laureò in Lettere. Insegnò lingua e letteratura italiana, prima al liceo e poi, dopo un' interruzione e fino alla pensione, all'Università di Cluj. Pubblicò un manuale di lingua italiana molto apprezzato, contenente testi specialistici in ambito storico. Interessata alla storia culturale della Transilvania ed alle relazioni italo-romene, partecipò a vari incontri scientifici e pubblicò numeorsi studi e articoli. Insieme allo storico Marcel Ştirban, le fu assegnato il Premio dell'Accademia per il volume Il Consiglio Nazionale Romeni di Blaj (1979).

Collaborò a mettere in valore e tradurre le opere di Mons. Vladimir Ghika. Nel 2001 è stato pubblicato il volume I segni del tempo letti da Viorica Lascu, contenente gran parte dai suoi articoli tratti da diversi periodici, trattanti argomenti legati alla chiesa greco-cattolica, scritti dopo 1990.

Dopo 1990 ha dedicato tutte le sue energie e il suo impegno alla ricostituzione dell'Associazione Generale dei Romeni Uniti, nel ruolo di direttrice nazionale e rappresentando AGRU anche a livello internazionale. Ha avuto, in modo particolare, una relazione speciale con l'Azione Cattolica Italiana. È stata scelta per partecipare, in piazza San Pietro, alla presenza di Papa Giovanni Paolo II, nel 2000, al Giubileo per le persone della terza età. Per la sua impegnata e devota attività a servizio della Chiesa greco-cattolica, ha ricevuto, nel 2003, da Papa Giovanni Paolo II, il titolo pontificale di Cavaliere dell'Ordine di San Silvestro, Papa e, nel 2013, l'attuale pontefice Papa Francesco, le ha conferito il titolo della Croce per la Chiesa e il Pontefice.

Ha collaborato costantemente alla realizzazione di diverse pubblicazioni della Chiesa e delle associazioni culturali e religiose (Viaţa Creştină, Unirea), ma anche a giornali locali (Făclia, Adevărul de Cluj) ecc.

Si è spenta il 27 gennaio 2015.