Papa Francesco a Torino
e il Beato PG Frassati
INCONTRO CON I RAGAZZI E I GIOVANI TORINO
Piazza Vittorio Domenica, 21 giugno 2015

"VIVERE, NON VIVACCHIARE"
Il Beato Pier Giorgio Frassati modello di fiducia e di audacia evangelica per le giovani generazioni d'Italia e del mondo

Dal discorso del Santo Padre
Amore, vita, amici. ...queste tre parole sono tanto importanti per la vita ma tutte e tre hanno una radice comune: la voglia di vivere. E qui mi permetto di ricordare le parole del beato Pier Giorgio Frassati, un giovane come voi: «Vivere, non vivacchiare!». Vivere!
.... E per finire, vorrei ripetere la parola di Pier Giorgio Frassati: se volete fare qualcosa di buono nella vita, vivete, non vivacchiate. Vivete!

Discorso preparato dal Santo Padre:
non dobbiamo attendere circostanze esterne favorevoli per metterci davvero in gioco, ma che, al contrario, solo impegnando la vita - consapevoli di perderla! - creiamo per gli altri e per noi le condizioni di una fiducia nuova nel futuro. E qui il pensiero va spontaneamente a un giovane che ha davvero speso così la sua vita, tanto da diventare un modello di fiducia e di audacia evangelica per le giovani generazioni d'Italia e del mondo: il beato Pier Giorgio Frassati. Un suo motto era: «Vivere, non vivacchiare!». Questa è la strada per sperimentare in pienezza la forza e la gioia del Vangelo. Così non solo ritroverete fiducia nel futuro, ma riuscirete a generare speranza tra i vostri amici e negli ambienti in cui vivete.

Una grande passione di Pier Giorgio Frassati era l'amicizia.

I Santi e le Sante di Torino ci insegnano che ogni rinnovamento, anche quello della Chiesa, passa attraverso la nostra conversione personale, attraverso quella apertura di cuore che accoglie e riconosce le sorprese di Dio, sospinti dall'amore più grande (cfr 2 Cor5,14), che ci rende amici anche delle persone sole, sofferenti ed emarginate.


TESTI INTEGRALI